Camminare insieme con la propria Chiesa è il desiderio più grande per un vescovo, anche se non è facile: il vescovo di Tblisi monsignor Giuseppe Pasotto con la comunità cattolica del Paese del Caucaso ha già vissuto il Sinodo sul tema che il Papa ha posto come sfida alla Chiesa universale. Ora racconta la loro esperienza.

“Siamo chiamati a camminare insieme, ad ascoltarci, a parlare, è uno stile dell’essere Chiesa. E’ la sinodalità”. Le parole sono di monsignor Giuseppe Pasotto, vescovo di Tblisi e amministratore apostolico per il Caucaso dei cattolici di rito latino, e sono maturate al termine del Sinodo sulla sinodalità che la piccola comunità cattolica della Georgia ha vissuto. Ora tutta la Chiesa è chiamata a compiere la stessa esperienza su questo tema nel percorso  che Papa Francesco ha avviato il 9 e il 10 ottobre scorso ufficialmente e che si concluderà nel 2023. Quali le modalità sperimentate, quali i punti di forza e quali le difficoltà vissute in Georgia e come ne è uscita la Chiesa in quanto comunità di fedeli? Monsignor Pasotto ne parla a Vatican News come di “uno stile” acquisito, che è fondamentale.

CREDITS: Vatican News

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO QUI