Penultima settimana di programmazione per Palermo Classica, ma arriverà uno dei pianisti più attesi, Alexander Toradze, pronto ad affrontare sabato 8 settembre nella chiesa di Santa Caterina, con la Palermo Classica Symphony Orchestra, un programma disteso, quasi gioioso, che comprende il “Concerto per pianoforte n. 2” di Shostakovich, particolarmente conosciuto da Fantasia 2000 della Disney.

Il fine settimana di Palermo Classica inizia venerdì 7 settembre alle 21 nel cortile dello Steri con un recital della pianista russa Anastasya Terenkova, vincitrice di numerosi premi, interprete di una narrazione dedicata alle scene del popolo, alla società. Il suo viaggio musicale si avvierà sui frammenti del balletto “Anna Karenina” del compositore contemporaneo Shchedrin e si chiuderà con un cammino tra una scena e l’altra dei “Quadri di un’esposizione” di Mussorgsky, attraversando le venti “Variazioni sul tema di Corelli” elaborate da Sergej Rachmaninov, anticipate dall’intrattenimento dell’alta società russa – tra mazurke e preludi – di Liadov. Definita da Diapason Magazine, “una pianista incantevole”, Anastasya Terenkova ha vinto numerosi riconoscimenti e si è esibita in tutta Europa, Stati Uniti, Canada, Corea del Sud, Cina, Egitto e Sud Africa. Chiamata da John Malkovich, ha costruito con lui nel 2016 il progetto teatrale “Report on the Blind”. Biglietti: 14,50 euro.

Ma è sabato (8 settembre) l’appuntamento più atteso: alle 21 alla Chiesa di Santa Caterina, in piazza Bellini (e non alla GAM come annunciato) la Palermo Classica Symphony Orchestra, diretta da Arman Tigranyan, affronterà la sua trascrizione della celebre “Chaconne” di Bach che diviene più leggera e romantica dell’austera originale. Dedicato al figlio Maxim, come regalo di diploma al Conservatorio di Mosca, è invece il “Concerto per pianoforte n. 2” di Shostakovich. Fresco e vivace, il concerto è particolarmente noto per aver musicato la fiaba del Soldatino di stagno di Andersen in Fantasia 2000 della Disney. Ad interpretare i tre movimenti di cui è composto, è il brillante e virtuoso pianista Alexander Toradze. Nato a Tbilisi in Georgia e naturalizzato americano, Toradze è oggi considerato uno dei maggiori interpreti del repertorio pianistico del ‘900. Le sue interpretazioni di Prokofiev, Shostakovich, Stravinski, Scrjabin e Ravel sono un punto di riferimento per le giovani generazioni di musicisti, le sue incisioni discografiche sono considerate un unicum nella letteratura pianistica. Dagli Stati Uniti, dove vive da oltre 25 anni, Alexander Toradze collabora con le maggiori orchestre. In Europa ha suonato con la Gewandhaus di Lipsia, la London Symphony Orchestra, la London Philharmonic, la BBC Symphony Orchestra, la Rotterdam Philharmonic, l’Orchestre National de France e l’Orchestre de Paris, la Israel Philharmonic; nel 2003 ha debuttato con i Berliner Philharmoniker. Spontanea e distesa è anche l’ottava delle sinfonie di Dvořák, priva di conflitti, ridente, che chiude il concerto. Biglietti: 29/24/19 euro.

Via Nuovosud.it